Crea sito

Tra campanili, grotte e cioccolato, Le Vie dei Tesori ritornano nel RagusaShire.

Tra campanili, grotte e cioccolato, Le Vie dei Tesori ritornano nel RagusaShire

Il cuore del Barocco, il Val di Noto protetto dall’Unesco, torna protagonista de Le Vie dei Tesori e riparte da un “tesoretto” di 21 mila presenze lo scorso anno, con il pubblico affascinato da intarsi barocchi, chiese rupestri e palazzi sontuosi. Il RagusaShire è alla sua seconda esperienza con la manifestazione nata 13 anni fa a Palermo e coinvolge Ragusa, Modica e Scicli. Da venerdì 4 a domenica 20 ottobre, nel corso di tre weekend saranno disponibili esperienze per viaggiatori appassionati: si “volerà” di campanile in campanile, si scoprirà dove nasce il cioccolato degli atzechi, si scenderà nelle grotte nascoste per scoprirvi un presepe.

Tra l’altro, tutti i siti sono visitabili con gli stessi coupon validi per le tre città.

“Un vero tour alla scoperta di tre città che formano un percorso per viaggiatori appassionati – spiegano il sindaco di Ragusa, Giuseppe Cassì e l’assessore al Turismo Francesco Barone che hanno presentato il Festival al fianco dell’Assessore comunale al Turismo di Modica, Maria Monisteri, e dell’Assessore comunale alla Cultura di Scicli, Caterina Riccotti – un lavoro comune che parte dal riconoscimento dell’unicità del territorio”.

Quest’anno il percorso è ancora più particolare, vediamolo città per città. A partire dai venticinque luoghi a Ragusa, divisi tra la città superiore con le sue chiese, le rocche, i passaggi che salgono in verticale; e Ibla (in siciliano “lusu”, ovvero quello che giace sotto), miraggio di luci e di ombre, palazzi e musei. Previste anche visite in notturna ai tre campanili – nel terzo ed ultimo weekend, dalle 18 a mezzanotte – in collaborazione con le Scale del Gusto.

Modica invece è da scoprire in un viaggio lungo quindici tappe, con curiosità veramente particolari, dal Fattojo Bonajuto, la più antica fabbrica di cioccolato in Sicilia dove si potrà assistere a tutte le fasi di lavorazione delle dolci tavolette; alle famose “botti” del Campailla dell’unico sifilicomio del Sud Italia, quando ancora la sifilide era una malattia da signori; e non ci si può esimere da una visita al famoso castello dei Conti, con le carceri e la cappella dei detenuti.

Ultima, ma non per importanza, Scicli, dove apriranno tredici luoghi – tra cui l’inedita grotta delle Cento scale che conduce sul serio nelle viscere della terra, dove però si potrà scoprire un presepe in miniatura – con l’occhio imprescindibile alla fiction più conosciuta d’Italia: cercare il commissario Montalbano si può, il festival permetterà di scoprire alcune delle location più note, come la stanza dell’agguerrito impossibile Questore.

(fonte TNS Sicilia)

www.leviedeitesori.it

Precedente PER NON DIMENTICARE Successivo Passeggiata archeo-filosofica al Teatro Antico di Taormina, Domenica 6 ottobre.